Ver Sacrum

Ver sacrum significa letteralmente “primavera sacra”. In età storica diviene un rito di purificazione che tanti hanno voluto associare alla colonizzazione. Questo è vero solo in parte. Si tratta di una delle più antiche usanze legate ai popoli italici, in primis quelli di stirpe orco-umbra. Sullo sfondo di questa usanza ci sono moltissimi fattori, alcuni legati sicuramente alla colonizzazione, altri al risveglio della natura. Fenomeni del genere sono inoltre comuni ad altre zone del Mediterraneo e del mondo indoeuropeo. In questo articolo faremo un lungo viaggio, dagli albori a Roma, sperando che Picus vegli su di noi.

Il popolo dei sanissimi

La medicina della popolazione egizia rappresenta un tassello fondamentale che ha posto le basi per i popoli successivi. A loro si deve una prima concreta idea della figura professionale del medico e l’ampliamento delle conoscenze anatomiche dell’epoca grazie alla mummificazione ed all’imbalsamazione, che permettevano di analizzare i corpi dopo la morte, pratica vietata dalle altre religioni, che consideravano il defunto sacro ed inviolabile. Allo stesso tempo la disciplina medica rimane fortemente legata alle credenze religiose che non scompariranno fino alla prima rivoluzione scientifica della medicina, rappresentata da quella laico-razionale di Ippocrate.

La scopa delle streghe

Un movimento pesante e ripetitivo, o leggero e frusciante, è quello che accompagna, nella nostra mente, l’immagine della scopa, moderna o di saggina, è l’oggetto che per antonomasia serve a scacciare, a spazzare via lo sporco che si annida nella casa, la cenere dal camino, la brutta stagione e gli ospiti indesiderati.

Ora, labora … et trade!

Nonostante siano passati più di 2000 anni, oggi possiamo ancora combattere al fianco di Achille, fondare Roma insieme ad Enea, perderci in un’assolata giornata “sub tegmine fagi” in compagnia di Titiro, dare cento e mille baci alla nostra Lesbia, diventare principi del Foro al fianco di Cicerone

Lo Zolfo

La chimica applicata alle scienze umanistiche non si limita alle analisi sui materiali o sui siti. Spesso ragionando su un elemento, si può ricostruire un settore economico di un popolo, ma non solo. Molte guerre e battaglie furono combattute per l’accaparramento di miniere, con importanti conseguenze politico-sociali. Noi cominciamo dallo zolfo, elemento molto sfruttato in epoca romana, che ebbe implicazioni persino nei culti e nelle credenze dei popoli italici.

Luke Perry

Oggi l’attenzione va dedicata tutta a quel giovane moderno emulo di James Dean, volato in cielo troppo presto, all’età di 52 anni per colpa di un ictus e mi piace pensare che lo abbia fatto guidando la sua bella Porsche, proprio come il grande James

Carnem vale!

Cari amici di Vitis Sapientiae, magno gaudio! La rubrica Sacra Baldoria oggi vi fa addentrare nella festa più colorata e chiassosa dell’anno, dove si può diventare diavoli, giocatori di football bicefali e perfino Papa.
Quando vi trovate di fronte ad una festa mascherata dove c’è uno sfogo alimentare e morale, state certi che in origine fosse greco-romana, assorbita successivamente dal cristianesimo.